Sul muro di un palcoscenico una mano anonima ha scritto 'qui si dicono per gioco le cose serie'

Popular Libr@ry of the Show/Bibliothèque Populaire du Spectacle/Bibliotec@ Popular del Espectáculo/Populäre Bibliothek des Schauspiels/Народная библиотека театрального представления/Bibliotec@ Popular do Espetaculo

Divini e Maestri - N/O


Divini e Maestri (N/P)

I video/filmati, salvo indicazione diversa, sono presentati in italiano


Eimuntas NEKROSIUS  Regista   [Profilo]
Meno Fortas Theatre - "Idiotas" directed by Nekrosius Rif. www.yuotube.com/watch?v=VG1J7_aJLhk
Altri video
  1. 'Kvadratas' (Piazze) 1988 - di Eimuntas Nekrosius  -  regia Eimuntas Nekrosius Vilnius, Jaunimo Teatras cast: Kostas Smoriginas, Janina Matekonyte, Remigijus Vilkaitis, Geraradas Zalenas. Music: Faustas Latenas. Scenography: Adomas Jacovskis Lithuanian (lithuano con traduzione simultanea in russo)
  2. 'Idiotas' 2008 - di Fëdor Dostoevskij directed Eimuntas Nekrosius - Meno Fortas Theatre (lituano - alla fine del video il link alle altre 3 parti)
  3. 'La leggenda della città invisibile di Kitez e della fanciulla Fevronija' 2008 - di Nikolay Rimsky-Korsakov regia Eimuntas Nekrošius Исполнители: Михаил Казаков - Князь Юрий Всеволодович Виталий Панфилов - Княжич Всеволод Юрьевич Татьяна Моногарова - Феврония Михаил Губский - Гришка Кутерьма Gevorg Hakobyan - Фёдор Поярок Марика Гулордава - Отрок Gianluca Floris, Marek Kalbus - двое лучших людей Riccardo Ferrari - Гусляр Stefano Concolini - Медведчик Alessandro Senes - Нищий-запевала Богатыри татарские: Валерий Гильманов - Бедяй Александр Науменко - Бурундай Райские птицы: Rosanna Savoia - Сирин Елена Манистина - Алконост Оркестр - Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari Хор - Coro del Teatro Lirico di Cagliari Дирижёр - Александр Ведерников  
Informazioni da Archivio LePera



Luigi NONO Compositore   [Profilo] [Sito Archivio Nono]

'Guai ai gelidi mostri1983/88   Rif.Vhttp://www.youtube.com/watch?v=33WK3zcUgkg
Altri video
  1. 'Prometeo, II (Isola 1°)' 1981 - Tragedia dell'ascolto for singers, speakers, chorus, solo strings, solo winds, glasses, orchestral groups, and live electronics. Petra Hoffmann, Monika Bair-Ivenz, soprano - Susanne Otto, Noa Frenkel, alto Hubert Mayer, tenor - Sigrunn Schell, Gregor Dalal, speakers - Solistenchor Freiburg, ensemble recherche, Solistenensemble des Philharmonischen Orchesters Freiburg, Solistenensemble des SWR Sinfonieorchesters Baden-Baden und Freiburg, Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWR, Freiburg André Richard, director Peter Hirsch, 1st conductor, Kwamé Ryan, 2nd conductor (alla fine del video i link alle altr 2 parti)
  2. 'Abbado . Nono . Pollini - A Trail on the water' 2001 (documentario - inglese - alla fine del idei i link alle altre 5 parti) - This 2001 documentary offers a portrait of Venetian composer Luigi Nono (1924-1991), through the eyes of two musicians who forged a close personal and musical relationship with him: Claudio Abbado and Maurizio Pollini. Nono's widow and André Richard, who engineered the live electronics of one of the works featured here, Prometeo, are also interviewed. The documentary provides revealing insights into a composer whose works were rarely performed in Italy, partly as a result of his strong communist but anti-fascist beliefs. Abbado and Pollini describe the philosophy shared by all three musicians and the influences they have had on each other. The film by Bettina Ehrhardt is centred around two of Nono's key works: his piano work Sofferte onde serene and the suite from his later orchestral work Prometeo, performed here in rehearsal by the Berlin Philharmonic and Claudio Abbado. Scenes and impressions of Venice accompany the music. / Questo documentario offre un ritratto del compositore veneziano Luigi Nono (1924-1991), attraverso gli occhi di due musicisti che hanno avuto una stretta relazione personale e musicale con lui: Claudio Abbado e Maurizio Pollini. André Richar, la vedova di Luigi Nono presenta una delle opere presenti in questo video, il Prometeo, da lei progettata. Il documentario fornisce intuizioni rivelatrici di un compositore le cui opere sono state raramente eseguiti in Italia, in parte come risultato delle sue forti convinzioni comuniste e antifasciste. Abbado e Pollini descrivono la filosofia condivisa da tutti e tre i musicisti e le influenze che hanno avuto sulla vicenda. Il film di Bettina Ehrhardt è centrato attorno a due delle principali opere di Nono: il suo piano di lavoro Sofferte onde serene e la suite dal successivo lavoro orchestrale Prometeo, eseguito qui in prova dalla Filarmonica di Berlino diretta da Claudio Abbado. Scene e impressioni di Venezia accompagnano la musica.

 

Rudolf NUREYEV  Ballerino/Coreografo   [Profilo] [Sito Nureyev]
Il sepolcro di Rudolf Nureyev al Cimitero di Sainte Geneviève Sous Bois a Parigi
Progettata dello scenografo Ezio Frigerio, in collaborazione con il Teatro dell’Opera de la Bastille.

Altri video e film
  1. 'Una serata con il Royal Ballet - Shopiniana / Le Corsaire' (An Evening with the Royal Ballet - Шопиниана / Корсар) 1962 - con Rudolf Nureyev, Margot Fonteyn
  2. 'Le Jeune Homme et la mort1966 - choregraphie et mise en Scene de Roland Petit musique Jean-Sebastien Bach avec Zizi Jeanmaire et Rudolf Nureyev (alla fine del video il link alla seconda parte)
  3. 'Romeo e Giulietta' (Ромео и Джульетта) 1966 - coreografie K.MakMilan e Kenneth McMillan cast: Margot Fonteyn, Rudolf Nereyev, David Blar,  Desmond Doyble, Anthony Dowwel, Derec Rencher - Orchestra della Royal Opera House Covent Garden conductor Giovanni Lanchberry (film)
  4. 'Swan Lake' (Il lago dei cigni) 1967 - Balletto in quattro atti di Vladimir Begitchev e Vasyli Geltzecon: Margot Fonteyn, Rudolf Nureyev coreografia Rudolf Nureyev musica Piotr I. Tchaikowski - Wiener Sinphoniker direttore John Lankbery - Balletto Wiener Staatsopernballet  (Wikipedia/Il lago dei cigni)
  5. 'Lo schiaccionoci' (Щелкунчик) 1968 - coreografie Rudolf Nureyev con: Rudolf Nureyev, Merle Park, Wayne Sleep, Jillian Gibbs - Orchestra della Royal Opera House Covent Garden direttore John Lanchbery
  6. 'I am a dancer' 1972 (film) - Gli esercizi alla sbarra (in particolare rond de jambe en l'air e développé) presentati in questo film sono la dimostrazione del lavoro quotidiano che il ballerino fa in classe e traduce in prestazioni effettive. Oltre alle straordinarie esibizioni di Rudolf Nureyev, Carla Fracci, Margot Fonteyn, e Deanne Bergsma il film dà un quadro più completo della dedizione che un Artista deve dedicare alla Danza.
  7. 'Valentino' (Валентино) 1977 - regia Ken Russell cast: Rudolf Nureyev, Seymour Cassel, Felicity Kendal, Carol Kane, Leslie Caron, Michelle Phillips, William Hutkins (film - ingleserusso)
  8. 'Giselle' (Жизель) 1979 - Balletto del Bavarian State Opera House musica Adolphe Adam libretto T. Gauthier, J. St-Georges, Jean Coralli coreografia  Zh.Perro e Zh. Koralli cast: Rudolf Nureyev, L. Seymour (Canadian prima ballerina), M. Mason (Royal Opera House Covent Garden), G. Larsen (Royal Opera House Covent Garden), D.Vamos e solisti dell'Opera Nazionale Bavarese - Il Nuovo Mondo Orchesrta Philarmonic - direttore David Coleman
  9. 'Giselle' 1980 - Balletto in due atti di Theophile Gautier e Vernoy de Saint-Georges coreografie Giovanni Coralli e Jules Perrot musica Adolphe Adam - Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma  direttore Alberto Ventura interpreti: Rudolf Nureyev e Carla Fracci  Corpo di Ballo del Teatro dell'Opera di Roma
  10. 'In Tribute Nijinskj - Petrushka / Spectre de la Rose/ Fauno' ( Дань Вацлава Нижинского - Петрушка / Видение розы / Отдых фавна) 1981 - Nureyev and The Joffrey Ballet coreografie: Mihail Fokin, Mikhail Fokine, Vaslav Nijinsky con: Rudolf Nureyev, Denise Jackson, Holder cristiana, Gary Chryst; Charlene Gehm (documentario - inglese / russo
  11. 'Exposed' (A vista) (Рассекреченный) 1982 - film diretto da James Toback protagonisti: Natassja Kinski e Rudolf Nureyev  (film - inglese - russo)
  12. 'Raymonda' (Раймонда) 1983 - regia e coreografie Rudolf Nureyev - rappresentazione al Teatro Nazionale dell'Opera di Parigi - con gli artisti della Opéra National de Paris: Firenze Claire, Fanny Hyde, Elisabeth Platel, Charles Jude, Manuel Legris, Jose Martinez, Laurent Hilaire. Partecipare al programma, Rudolf Nureyev, Sud Gal, Patrice Bart, Brigitte Lefèvre, Claude de Vyulpian
  13. 'The Sleeping Beauty' (La bella addormentata) 1984 - musiche Piotr I. Tchaikovsky- Ballet de L'Opera de Paris coreografie Rudolf Nureyev  (alla fine del video il link alle altre 13 parti) (Wikipedia/La bella addormentata [balletto])
  14. 'Cinderella' (Cenerentola) (Золушкa) 1988 - coreografo: Rudolf Nureyev cast: Sylvie Guillem, Charles Jude, Isabelle Guerin, Monique Luder, Rudolf Nureyev, George Piletta
  15. 'Rudolf Nureyev' 1991 (documentario - russo) - Di Patricia Foy. La famosa documentarista britannica Patricia Foy, ha realizzato la biografia più completa sulla vita del grande ballerino Rudolf Nureyev. Inoltre, il film include interviste a persone che hanno conosciuto il ballerino: A. Udaltsov, S. Gill, N. Dudinskaia, Roland Petit, M. Fontaine.
  16. 'Bayadere' 1992 - Balletto e Orchestra del Teatro dell'Opera di Parigi direttore: Michel Kevalam regista Alexander Tart coreografo Rudolf Nureyev cast: Isabelle Guerin, Nikia Laurent Hilaire, Elisabeth Platel, Jean-Marie Didier, Malovik Francis  Il tema de 'Bayadere' è l'amore come il più alto senso della vita, uno dei temi più popolari del  teatro musicale del XIX secolo. Le sue fonti letterarie sono il dramma classico indiano Kalidasa "Shakuntala" e la ballata di Goethe "Dio e la Bayadere". 
  17. 'Romeo e Giulietta' 1995 - da William Shakespeare musica Sergei Prokofiev Orchestre de L'Opéra National de Paris Violin Solo Alain Kousnetzoff Cond. Vello Pähn Ballet de l'Opéra National de Paris coreografia Rudolf Nureyev - Orchestre de L'Opéra National de Paris Violin Solo Alain Kousnetzoff conductor Vello Pähn set design Ezio Frigerio costumi Ezio Frigerio - Mauro Pagano Ballet de l'Opéra National de Paris La prima versione del balletto di Prokofiev realizzata in Occidente è stata quella coreografata da Birgit Cullberg a Stoccolma nel 1944, alla quale hanno fatto seguito tantissime altre versioni tra le quali: Margarita Froman per il Balletto di Zagabria (Londra 1955), Sir Frederick Ashton (Balletto Reale Danese 1955), John Cranko (Venezia per il Balletto del Teatro alla Scala 1958 con una giovanissima Carla Fracci e Mario Pistoni, seguita dall’edizione definitiva dello stesso coreografo andata in scena nel 1962 con il Balletto di Stoccarda), Serge Lifar (Opéra de Paris 1955), Kenneth MacMillan (Londra, Covent Garden, Royal Ballet con Margot Fonteyn e Rudolf Nureyev 1965), Oleg Vinogradov (Novosibirsk 1965), Nicholas Beriosoff (Zurigo 1966), Rudy van Dantzig (Balletto Nazionale Olandese 1967), John Neumeier (Francoforte 1971), Nikolaj Boyarchikov (Perm 1972), Michael Smuin (San Francisco 1976), Rudolf Nureyev (London Festival Ballet 1977), Oscar Araiz (Joffrey Ballet 1977), Yuri Grigorovich (Ballet Opéra de Paris 1978), Fabrizio Monteverde (Balletto di Toscana 1989 e Balletto di Roma 2004), Robert North (Genova 1990), David Nixon (Columbus 1998) (Romeo Giulietta di Prokofiev)
  18. 'Don Chisciotte' 1998 - coreografie Rudolf Nureyev produzione Teatro alla Scala con: Isabel Seabra, Roberto Bolle, Nedo Zingoni direzione d'orchestra di Marco Letonja costumi di Anna Anni scene di Raffaele del Savio
  19. 'Giselle' 2004 directed Stanley Dorfman and Rudolf Nureyev director David Coleman music Adolphe Adam con: Rudolf Nureyev, Lynn Seymour, Monica Mason, Youri Vàmos and members of  The ballet of the Bavarian State Opera House, The New Word Philarmonic Orchestra (Wikipedia/Giselle)
  20. 'Rudolf Nureyev alla Scala' (Рудольф Нуреев в Ла Скалa)  2005 Un documentario sul lungo rapporto del grande ballerino Rudolf Nureyev con il Teatro alla Scala, ricostruito anche attraverso interviste a figure centrali del mondo della danza quali Carla Fracci, Roberto Bolle, Maurice Béjart. 
  21. 'Rudolf Nureyev - Il contratto con la morte' (Рудольфа Нуриева Контракт со смертью) 2010 (documentario - russo - alla fine del video il link alle atre 4 parti - Documentazione della tragica fuga del grande ballerino e coreografo Rudolf Nureyev dall'URSS verso la Francia. Questo esilio ha influenzato la collaborazione tra la scuola del balletto europea e quella sovietica, e l'ulteriore sviluppo di questo tipo di arte nel mondo.
  22. 'Don Quichotte' 2012 - coreografie Rudolf Nureyev - Opéra National de Paris con: Dorothée Gilbert, Karl Paquette

 

Sergej Vladimirovic OBRASZOV  Burattinaio/Regista  [Profilo]
'Concerto Straordinario' (russo) Rif. http://www.youtube.com/watch?v=gf9_v-c1Bd4&feature
Altri video


 
Laurence OLIVIER  Regista/Attore  [Profilo] [Sito Sir Olivier]

'Great acting'  Interview (inglese - alla fine del video i link alle altre 4 parti)  Rif.http://www.youtube.com/watch?v=Ug5xZjSOC0U

Altri video e film
  1. 'As You Like It' (Come vi piace) 1936 - di William Shakespeare directed Paul Czinner treatment suggested J.M. Barrie starring: Laurence Olivier, Elisabeth Bergner, Sophie Stewart, Henry Ainley, Leon Quartermainer (film - inglese) - Pur nutrendo dei dubbi sulla possibilità di portare Shakespeare sullo schermo cinematografico con buoni risultati, Olivier non poteva rifiutare un compenso di seicento sterline alla settimana, per oltre due mesi. Per quanto remunerativa, l’esperienza del film Come vi piace non gli piacque. Oliver era esausto: ogni giorno, dagli studi cinematografici si doveva precipitare al New Theatre per la recita serale, con addosso ancora il trucco e la calzamaglia imbottita che portava per i ruoli di Orlando e di Mercuzio. Inoltre il film era un miscuglio incoerente di stili e di umori, che finiva per soccombere sotto il peso delle sue velleitarie ambizioni artistiche. La produzione di Czinner si muoveva in una dimensione confusa in cui si mescolava realismo e atmosfere fiabesche e stilizzate, alternando scene affollate di un vero e proprio serraglio di pavoni, cani, oche e pecore ad altre improntate ad una rigorosa austerità monastica. Arden, ricostruita al risparmio in interni, sembrava più un boschetto striminzito che una foresta, e i complicati e vertiginosi movimenti di macchina troppo spesso sembravano disturbare gli attori, quando sarebbero state indicate inquadrature più ferme. Ma l’handicap maggiore di Come vi piace era la sua star. Il fascino languido di Elisabeth Bergner esagerava troppo l’ingenua timidezza del personaggio di Rosalinda, e la sua voce di soprano dal forte accento tedesco, assolutamente inadatta alle scene in cui Rosalinda è travestita da ragazzo, suscitava sorrisi educatamente soffocati fra gli attori e i tecnici inglesi; raramente un’attrice era stata tanto sbagliata per una parte. Nè la Bergner si rendeva più simpatica, arrivando tardi o rifiutando di recitare fuori campo le sue battute durante i primi piani di Olivier, in modo che l’attore potesse sembrare un pò più naturale. Orlando è un ruolo goffo anche nelle migliori circostanze. All’inizio è un nobile coraggioso ed eloquente, poi gli si lega la lingua e vaga nella foresta, mentre l’azione si concentra su Rosalinda. Olivier eveva giustamente capito che i primi piani della Bergner travestita da ragazzo erano poco credibili e per cercare di ovviare al problema diede al suo Orlando una vena stralunata e comica; le scene nella foresta sono molto divertenti nella loro originalità e mai prevedibili.      
  2. 'Fire Over England' (Elisabetta d'Inghilterra) 1937 - by A.E.W. Mason directed William K. Hovard starring: Laurence Olivier, Vivien Leigh, Flora Robson, Leslie Banks, Raymond Massey, Tamara Desni, Morton Selten (film - inglese)
  3. 'Q Planes' 1939 - directed Tim Whelan and Arthur B. Woods, produced Irving Asher and Alexander Korda written Brock Williams, Jack Whittingham and Ian Dalrymple, starring: Ralph Richardson, Laurence Olivier, Valerie Hobson (film - inglese)
  4. 'The 49th Parallel' 1941 - directed Michael Powell original story and screenplay Emeric Pressburger scenario Rodney Ackland cast: Laurence Olivier, Leslie Howard, Richard George (film - inglese) - Nelle vesti dell'amabile e rustico cacciatore Johnnie Barras, Olivier era un uomo che nulla sapeva delle crudeltà della guerra, e che rimane sgomento di fronte alla disumanità dei tedeschi, quando apprende dell'invasione della Polinia e dell'uccisione dei rifugiati; diventa poi la prima vittima dei tedeschi in Nord America.
  5. 'That Hamilton Woman' (Il grande ammiraglio) 1941 - directed Alexander Korda cast: Vivien Leigh, Laurence Olivier (film - inglese) - Il film di Alexander Korda Il grande ammiraglio, girato rapidamente e in economia all’inizio dell’autunno del 1940, racconta le imprese eroiche di Orazio Nelson nelle guerre napoleoniche, all’inizio del diciannovesimo secolo, e la sua lunga relazione con Emma, Lady Hamilton, che gettò un’ombra sul suo nome. Korda, mantenendo una promessa fatta al primo ministro Winston Churchill, suo amico, produsse intenzionalmente un film che conteneva trasparenti allusioni alla crisi allora in atto: Napoleone come Hitler, Nelson come Churchill (...) L’idea brillante di affidare i ruoli degli amanti sullo schermo a due amanti nella vita era stata ispirata a Korda dall’affetto e dalla ammirazione che sentiva per Olivier. Con il personaggio di Nelson, Olivier potè forse pensare di essere oramai identificato e imprigionato nel cliché dei ruoli in costume (...) in Il grande ammiraglio, il suo primo ruolo cinematografico di autentico eroe, Olivier era il ritratto per eccellenza del coraggio e del valore; sfortunatamente, nella sceneggiatura il personaggio era privo di spessore e di passione. Quando entra in azione, Nelson è accompagnato dalla musica triofale di Rule, Britannia! e progressivamente si copre di cicatrici e di gloria, un’impresa dopo l’altra; invecchia, mentre Emma matura, diventando una donna sempre più affascinante, a cui le esperienze della vita portano solo maggior profondità; nonostante l’apparente centralità di Nelson, il film era scritto sul personaggio femminile (n.d.r. il titolo originale è That Hamilton Woman); la cinepresa favoriva Vivien, e a ragione, perchè nella sceneggiatura Emma era ritratta con più ricchezza e con più calore (...) I dialoghi inoltre erano costantemente carichi di allusioni (...) Malgrado un trocco che lo sfigurava e l’impiego di una tecnica minimalista, il personaggio di Olivier non poteva essere altro che un legnoso portavoce di Churchill. Non c’è da meravigliarsi che la pellicola diventasse uno dei film preferiti del primo ministro, che spesso la faceva proiettare per amici e dignitari. Il grande ammiraglio fu per Vivien un trionfo e di ciò Olivier si rese conto già durante le riprese, prima ancora che Korda mettesse il nome dell’attrice sopra il suo nei titoli di testa e nei manifesti. Dei due ancora lei la star di maggior fama e richiamo e aveva dato un’interpretazione magnifica (...) In ogni caso il divario sempre più accentuato e inevitabile tra la sua posizione negli studi di Hollywood e la carriera teatrale lo rafforzò nella risoluzione di tornare in Inghilterra, cui Vivien protamente aderì. Il grande ammiraglio fu l’ultimo film in cui recitarono insieme. 
  6. 'Henry V' 1944 - di William Shakespeare regia Laurence Olivier soggetto Enrico V di William Shakespeare sceneggiatura Dallas Bower, Alan Dent, Laurence Olivier produttore Laurence Olivier Filippo Del Giudice musiche William Walton costumi Roger K. Furse trucco Tony Sforzini interpreti: Leslie Banks, Felix Aylmer, Robert Helpmann, Gerald Case, Griffith Jones, Morland Graham, Nicholas Hannen, Michael Warre, Laurence Olivier, Ralph Truman, Roy Emerton, Robert Newton, Frederick Cooper, Freda Jackson, George Robey, Harcourt Williams, Russell Thorndike, Leo Genn, Francis Lister, Max Adrian, Jonathan Field, Esmond Knight, Michael Shepley, John Laurie, Niall MacGinnis, Renée Asherson, Ivy St. Helier (film - inglese con sottotitoli spagnolo - alla fine del video il link alle altre 8 parti)  - Nel 1944  Laurence Oliver decide di cimentarsi anche nel campo della regia cinematografica. ‘In un certo senso Shakespeare scriveva per il cinema’ osservò Olivier ‘il suo distribuire l’azione in tante piccole scene è quasi un’anticipazione della tecnica cinematografica e più d’uno dei suoi drammi sembra soffrire delle limitazioni che impone lo spazio teatrale’. Sfruttando abilmente di tutte le risorse del linguaggio cinematografico, con tagli rapidi, dissolvenze, lunghe e drammatiche carrellate e inquadrature mobili dalla gru, Olivier aveva attentamente studiato ogni movimento di macchina e una visione attenta e particolareggiata del film rivela la notevole armonia tra l’ambientazione e la formula stilistica. Olivier dimostrò una volta per tutte che Shakespeare poteva essere portato sullo schermo con buoni risultati; mostrava anche  come un grande dramma può trascendere la forma per la quale è stato scritto. Da allora in poi Oliver guardò con altro spirito il cinema, che fino a quel momento aveva disprezzato, non considerandolo degno di lui. Ora che, con la regia, ne aveva il controllo, poteva usarlo per trasmettere il suo punto di vista. Libero dalle esasperazioni quotidiane tipiche della produzione hollywoodiana. Riproponeva l’eroico Enrico che aveva presentato all’Old Vic nel 1937. E cosa ancora più importante, Shakespeare conferiva un prestigio sicuramente non offerto dalle sceneggiature ordinarie. Il film si apre con una suggestiva inquadratura di una miniatura assolutamente realistica della Londra del tempo di Shakespeare, a sud del Tamigi, nei pressi del Globe Theatre. Nel teatro sta per andare in scena una rappresentazione dell’Enrico V e vediamo il pubblico del 1600 prendere posto. Si mostra poi l’attività dietro le quinte: ragazzi che indossano i costumi femminili (come all’epoca di Shakespeare) altri attori che rovesciano accidentalmente oggetti di scena e si agitano attorno ai fogli del copione. Questo inizio audace non solo rende tollerabile l’esposizione colloquiale del prologo, ma stabilisce la natura teatrale dello spettacolo che siamo per vedere. Durante le due ore successive il film usa ogni tipo di ambientazione: esterni veri in campagna, scenari dipinti, scenografie astratte e interni chiaramente di studio. Per le scene d’azione e le battaglie Olivier e i suoi collaboratori usano esterni reali; per il soliloquio del re, l’attore registrò e inserì la sua voce fuori campo, mentre la cinepresa compiva una panoramica sul suo volto, coperto prima di un velo di confusione, poi pervaso di speranza e finalmente sicurezza. Il film, nell’ambito della rappresentazione teatrale del dramma, fa esattamente ciò che il cinema dovrebbe fare: porta l’azione così vicina allo spettatore da renderlo partecipe al dramma e non semplicemente osservatore; l’ambientazione astratta e artificiale consente di allontanarsi dalla realtà letterale per meditare con calma, come incoraggiano i versi. 
  7. 'Hamlet' 1948 - di William Shakespeare directed Laurence Olivier music William Walton starring: Laurence Olivier, Basil Sydney, Eileen Herlie, Jean Simmons, Stanley Holloway (film -inglese sottotitoli spagnolo - alla fine del video i link alle altre 9 parti) - La produzione di Amleto non fu un gioco. dopo tre mesi di preparativi le riprese cominciarono verso la fine di aprile del 1947 negli studi della Denham e continuarono fino a novembre; fu un anno segnato da profonde tensioni personali e professionali. quando il progetto era stato annunciato, Vivien (la seconda moglie)  era convinta di interpretare Ofelia, come aveva fatto dieci anni prima nello spettacolo rappresentato a Elsinore, e alla giustificazione poco diplomatica di Olivier che a trentatré anni era troppo vecchia per la parte ribatté che lui ne aveva quaranta. Olivier si mostrò molto intransigente e dopo aver fatto audizioni a moltissime attrici reclutò la diciannovenne Jean Simmons, che aveva già recitato in una dozzina di film. Per giorni di fila si girarono scene di grande tragicità, e tale cupezza e intensità combinate con l'energia e la resistenza sovrumana di Olivier che ridusse tutti, attori e tecnici, a mal partito. Erano rari i momenti in cui si potevano rilassarsi. Il direttore della fotografia espresse lo stesso pensiero, aggiungendo che non c'era nulla del divertimento spontaneo che ravviva le riprese di film meno ambiziosi, e confessò di essersi sentito piuttosto depresso durante la lavorazione di Amleto. Preparando la sceneggiatura e pianificando ogni inquadratura con i collaboratori, Olivier pensava in ogni momento alle reazioni del pubblico: tagliò quasi metà del testo, eliminando personaggi (tra cui Fortebraccio, Rosencrantz e Guildenstern) e trame secondarie. Modificò e semplificò molte scene, condensò gli episodi, alterò parole e modernizzò frasi, affinchè il suo Amleto emergesse libero da ostacoli tradizionali e divenisse comprensibile alle platee del cinema. E poiché voleva che il senso di ogni parola fosse chiaro a quel tipo di pubblico, disse agli attori di recitare nel modo più espressivo possibile. Contemporaneamente insistette sul realismo, in special  modo nei duelli e nelle battaglie. La Wilkilnson foggiò sei spade apposta per il duello finale che si ruppero tutte durante le prove o le riprese. Olivier ha creato non solo una versione condensata e popolare di Shakespeare, ma ciò che definiva un 'saggio', un'analisi di un uomo quasi grande, dannato dalla sua irresolutezza. Il film finito ha alternativamente la vaghezza di un sogno e l'orrore nebuloso di un incubo, con immagini di facce a metà e battiti cardiaci che accompagnano le voci dei fantasmi. Olivier sostenne di aver girato Amleto in bianco e nero per creare l'effetto di un'incisione, ma in realtà non era riuscito ad ottenere la pellicola technicolor sufficiente e, avendo fatto di necessità virtù, aveva lavorato con i tecnici per realizzare una perfetta fotografia in profondità di campo. Tutto mirava a creare un senso di chiusura e di intrappolamento, la nitidezza dei particolari distanti, le inquadrature vertiginose, le dissolvenze allucinanti e l'espressionistico castello di Elsinore con le sue alte colonne e i porticati ad archi. Almleto è un film integralmente di Laurence Olivier, dalla scelta del cast al montaggio definitivo e ogni particolare rivela qualcosa dell'uomo...     
  8. 'Riccardo III(Richard III) 1955di William Shakespeare directed Laurence Olivier con: Laurence Olivier, Cedric Hardwicke, John Gielgud, Paul Huson, Andy Shine, Helen Haye, Pamela Brown, Ralph Richardson, Alec Clunes, Laurence Naismith, Mary Kerridge, Clive Morton, Dan Cunningham, Douglas Wilmer, Claire Bloom, Stanley Baker (film - inglese) - Riccardo III vinse tre premi della Britisch Film Academy (miglior film della produzione mondiale, miglior film inglese, migliore interpretazione maschile) e guadagnò a Olivier la candidatura all’Oscar. Alexander Korda e i finanziatori americani decisero di esportare il sistema panoramico della Paramount chiamato Vista Vision; il film era girato in technicolor e il direttore della fotografia era Otto Heller. Il risultato fu stupefacente dal punto di vista visivo e drammaticamente avvincente. Con un esperimento audace e senza precedenti la prima americana di Riccardo III (11 marzo 1956) coincise con la trasmissione simultanea del film sulla rete televisiva statunitense NBC. Si calcolò che i quaranta milioni di telespettatori costituissero in quel pomeriggio un pubblico più vasto di quello che aveva visto il dramma shakesperiano nei 352 anni dalla sua esistenza. La pellicola divenne immediatamente un film di culto; sulla copertina di New Sweek apparve l’immagine di Olivier, nel famoso quadro di Salvator Dalì, in cui metà del volto è al naturale e metà ha le sembianze di Riccardo. La prima televisiva pregiudicò però gli incassi nei cinema e l’esperimento non fu più ripetuto. Riccardo III porta interamente il segno di Olivier: malvagiamente virile ma anche seducentemente femmineo, un uomo che incarna il male in forma così estrema da potersi fare le beffe della sua stessa audacia. Rivolgendosi direttamente al pubblico o guardando in macchina, Olivier ci attira in una sorta di voyeuristica complicità con i suoi tradimenti, le sue seduzioni e i suoi assassinii. Richiamando spavaldamente su di sè l’attenzione (come fa Riccardo), Olivier mangia le vocali, accentua le consonanti, appiattisce il tono, ruota e solleva gli occhi, fa schioccare la lingua. Il film è un documento di una straordinaria interpretazione traboccante energia, che sorprende il pubblico in continuazione con abbassamenti improvvisi di tono, quando ci si aspetta che salga, e viceversa. Ad eccezione di Clerenza, il dramma di Shakespeare e la sceneggiatura del film non presentano personaggi altrettanto nobili e interessanti, e Oliver sfrutta la situazione con una cattiveria degna di Riccardo: tutti gli altri impallidiscono al suo confronto. Vezzoso, seduttore e ostinato, Riccardo è una creatura deforme di ambizione sfrenata  e criminale, ma non è in alcun modo un personaggio stereotipato. Mentre Olivier aveva interpretato enrico e Amleto senza trucco, con il volto al naturale, il suo Riccardo, zoppicante, con la gobba, una mano deforme, il naso lungo e una parrucca di seta nera alla paggetto, è una personalità gigantesca, un compendio di tutti i cortigiani intriganti, degli amanti senza scrupoli, degli zii malvagi e dei fratelli traditori della storia. Ogni istante rivela la preparazione di un attore che ha studiato la natura e i caratteri umani: strizza l’occhio (quando mente), sottolinea una battuta accentuando una parola insolita o stringendo le labbra (per intimidire i nemici), e crea un armonico universo del male. Il suo Riccardo ha un’integrità che manca ad altri personaggi deboli della vicenda. Riccardo è forse il commediante per antonomasia: crea scenari violenti, ce li descrive, poi si mette in moto l’azione e ci invita a osservare i limiti della stupidità e della perfidia umana, mettendo in scena e recitando una serie di commediole che lo condurranno versi il trono. L’interpretazione di Olivier a questo riguardo diventa una sorta di assunzione esistenziale di ruoli. Tutti i numerosi primi piani che scandagliano i suoi lineamenti appuntiti rivelano come mai prima la sua innata abilità di incantare: un incanto determinato dall’atto di recitare. Molto del suo potere di seduzione nasceva dalla fusione di una tecnica calcolata con un completo dono di sé. Sapeva per intuito che ciò che è umano di per se stesso incanta, in tutta la sua vasta e misteriosa gamma, dalla scelleratezza alla nobiltà d’animo. Recitando, ritrovava in se stesso l’intero arco delle possibilità umane: ambizione, gelosia, avidità, lussuria; confrontarsi con il possibile, per Olivier, era dare avvio all’eclissi del reale. Ecco perchè, in ultima analisi, la sua arte si può definire trascendente.
  9. 'Riccardo III' 1955 - di William Shakespeare regia Laurence Olivier con: Laurence Olivier, Cedric Hardwicke, John Gielgud, Paul Huson, Andy Shine, Helen Haye, Pamela Brown, Ralph Richardson, Alec Clunes, Laurence Naismith, Mary Kerridge, Clive Morton, Dan Cunningham, Douglas Wilmer, Claire Bloom, Stanley Baker (film)  
  10. 'Spartacus' 1960regia Stanley Kubrick soggetto Howard Fast sceneggiatura Dalton Trumbo cast: Kirk Douglas, Laurence Olivier, Jean Simmons, Charles Laughton, Peter Ustinov, John Gavin, Tony Curtis (film - inglese - alla fine del video i link alle altre 8 parti) - Olivier, che arrivò il primo giorno delle riprese, insistette perché al suo ruolo fosse dato maggiore risalto, ricorderà Peter Ustinov. 'Era sempre divertente osservarlo al lavoro tra le quinte, mentre tentava di averla vinta. Quando si accorgeva che lo stavi guardando, ti strizzava l'occhio ironicamente e le sue rimostranze si trasformavano in una rappresentazione, perché c'era qualcuno che lo osservava'. Olivier, come al solito, volle montare lui stesso a cavallo durante una scena, senza controfigura, e quando fu sbalzato di sella, facendosi male al fianco, commentò 'Dev'essere un cavallo che segue il Metodo (ndr - da Strasberg per il quale  era molto critico). Volle anche recitare l'audace scena della seduzione tra Crasso e il suo innocente schiavo Antonino (interpretato da Tony Curtis). Quell'anno tuttavia i censori di Hollywood intervennero e fecero eliminare la scena, poi ripristinata nella pellicola completa e originale del 1991. Spartacus è una delle interpretazioni di Olivier più riuscite nel genere non impegnato.    
  11. 'Romeo and Juliet' 1968 - directed Franco Zeffirelli screenplay Franco Brusati, Masolino D'Amico, Franco Zeffirelli music Nino Rota narrated Laurence Olivier cast: Leonard Whiting, Olivia Hussey, Milo O'Shea, Pat Heywood, John McEnery, Robert Stephens, Michael York, Bruce Robinson (film  - inglese - alla fine del video i link alla seconda parte) - Il 9 di agosto del 1962 Laurence Olivier viene nominato alla direzione del appena costituito National Theatre. Lo stipendio di Olivier al National era uguale a quello degli altri interpreti: riceveva quarantadue sterline a rappresentazione. I compensi cinematografici erano tuttavia di ben altra entità, e dal 1967 al 1971 Olivier (facendo solo ruoli secondari in sette film) guadagnò complessivamente più di 300.000 sterline, per un tempo di lavoro reale di otto settimane in quattro anni. Con tre bambini (avuti dalla giovane terza moglie Joan Plowright anche lei attrice), due case e l'alta incidenza delle tasse inglesi, era un reddito considerevole ma non principesco, il che spiega come mai nel 1972 e 1973 accettò un'offerta di oltre 700.000 dollari per apparire in spot pubblicitari televisivi per le macchine fotografiche Polaroid (alla condizione che non sarebbero mai stati trasmessi nel Regno Unito).  Nel 1968 a Roma quando non era impegnato sul set del film Nei panni di Pietro che si stava girando a Cinecittà, si precipita nel teatro di posa vicino, dove Franco Zeffirelli stava girando Romeo and Juliet. Si propose di partecipare in qualche modo, e quando Zeffirelli gli chiese di fare la voce fuori campo del prologo fu contentissimo. Doppiò anche la voce del Montecchi (l'attore Antonio Pierfederici che parlava l'inglese con forte accento italiano) e con avidità infantile chiese di partecipare e dar fondo a tutte le sue risorse d'attore. Chiese di doppiare molte altre particine e persino voci di folla. Contribuì senza chiedere paga né riconoscimento nei titoli di coda; si prestò solo per il piacere di partecipare al progetto.  
  12. 'David Copperfield' 1969 - di Charles Dickens directed Delbert Mann interpreti: Richard Attenborough, Cyril Cusack, Edith Evans, Pamela Franklin, Susan Hampshire, Wendy Hiller, Ron Moody, Laurence Olivier, Robin Phillips, Michael Redgrave, Ralph Richardson, Emlyn Williams (sceneggiato TV americano - inglese) - Un cameo, di un minuto, dove Laurence Olivier interpreta il sadico insegnante Creakle.
  13. 'Oh! What a Lovely War' 1969 - directed Richard Attenborough cast, including John Gielgud, Laurence Olivier, Jack Hawkins, Ralph Richardson, Vanessa Redgrave, Maggie Smith, Susannah York, John Mills (film) - Una satira sulla prima guerra mondiale dove Laurance Olivier interpreta, per quattro minuti e mezzo, la parte di Sir John French, un ubriacone adultero.
  14. 'Battle of Britain' (La battaglia d'Inghilterra- I lunghi giorni delle aquile) 1969 (film) - In questo film Olivier fece un ruolo molto serio, quello del maresciallo dell'aria Sir John Hugh Dowding, la cui strategia aveva permesso nel 1940 alla Royal Air Force di resistere alla Luftwaffe. In mezza dozzina di scene, che duravano complessivamente meno di cinque minuti, Olivier fece il ritratto di un uomo animato da un doloroso senso del dovere, un patriota disgustato dalla guerra.
  15. 'Gli insospettabili' (tratto dal lavoro teatrale Sleuth) 1972 - directed Joseph Mankiewicz con Laurence Olivier, Michael Caine (film - inglese) - Dell'esperienza con Olivier Michael Caine disse: 'Mi schiacciò completamente! Era terribile come mi sopraffaceva e continuava a tornare alla carica! Era una forza della natura. di colpo, sembrava un'altra persona, un giovane attore che vuole mostrare di che cosa è fatto, e capii che era quello il rischio e il pericolo della professione. Dovetti chiedere di fare qualche minuto di pausa per riprendermi e da quel momento in poi fu una lotta all'ultimo sangue per non perdere terreno e impedirgli di cancellarmi del tutto dal film.
  16. 'Il Mercante di Venezia' (The Merchant of Venice) 1974 - di William Shakespeare directed by Jonathan Miller ( National Theatre) and John Sichel (TV version) cast: Laurence Olivier, Joan Plowright, Jeremy Brett, Michael Jayston, Anthony Nicholls, Anna Carteret, Louise Purnell (film TV - inglese - alla fine del video i link alle altre 13 parti) - E' una commedia, diceva Olivier, zeppa di umori e ingredienti diversi, semplice come una favola. Trabocca di gioielli brillanti e oscuri.
  17. 'Sherlock Holmes - soluzione settepercento' 1976 - regia Herbert Ross soggetto Nicholas Meyer sceneggiatura Nicholas Meyer fotografia Oswald Morris montaggio Chris Barnes musiche John Addison scenografia Ken Adam e Peter Lamont interpreti: Alan Arkin, Vanessa Redgrave, Robert Duvall, Nicol Williamson, Laurence Olivier, Joel Grey 'The Seven-Per-Cent Solution' (film TV - inglese) - Dall’ottobre del 1974 Olivier affrontò un lungo periodo convalescenza, dovuta da una malattia del tessuto connettivo vascolare affine alla distrofia muscolare. Questa malattia lo costringerà ad abbandonare per sempre il teatro.  Cominciò per lui una vita nuova, l’affiorare di una componente vera, prima repressa nella sua personalità. Accantonò il trucco elaborato dei grandi personaggi e cominciò a essere, pienamente e con vera grandezza, soltanto se stesso.  Nell'autunno del 1976 Olivier fece una particina in questo film rivestendo i panni dell'acerrimo nemico dell'investigatore, il dottor Moriarty (per questo film lavorò due giorni con un compenso di 75.000 sterline). 'volevo essere sicuro' disse in quel periodo 'di non scoppiare a piangere scappando dal set e che sarei riuscito a imparare le battute. Fui grato di questa particina, perchè mi consentiva di fare i primi passettini (ndr - dopo la lunga convalescenza).  
  18. 'Il Maratoneta' (Marathon Man) 1976 - directed John Schlesinger cast: Dustin Hoffman, Laurence Oliver, Roy Scheider, William Davane, Marthe Keller (film - inglese) - Olivier si comportava come un apprendista riconoscente. Il regista Schlesinger gli diceva 'Larry potremo rendere quella battuta un pochino ... più personale?' E lui rispondeva: 'Vuoi dire tagliare il grasso, ragazzo mio? Sai, un sacco di gente non mi dice queste cose perché ho la reputazione di essere tanto perfetto da non avere bisogno del regista, ma ne ho bisogno anch'io, proprio come tutti'. Il maratoneta faceva veramente paura nelle poche scene in cui appariva Olivier, nella parte di un esperto torturatore ancora capace di mostruose malvagità, un dentista sadico e gelido, incubo di tutti gli altri protagonisti.
  19. 'The best play of the year 1955 - Cat on a Hot Tin Roof' 1976 - TV adaptation of the Tennessee Williams with: Sir Laurence Olivier, Maureen Stapleton, Natalie Wood, Robert Wagner, Maureen Stapleton, Mary Peach, Jack Hedley production Laurence Olivier for Granada Television Manchester (film TV  - inglese - alla fine del video i link alle altre 6 parti) 
  20. Gesù di Nazaret1977regia Franco Zeffirelli sceneggiatura Anthony Burgees, Suso Cecchi D’Amico, Masolino D’Amico, David Butler musiche Maurice Jarre cast: Robert Powell, Olivia Hussey, Yougo Voyagis, Anne Bancroft, Jemes Farentino, Regina Bianchi, Marina Berti, Michael York, Peter Ustinov, Valentina Cortese, Isabel Mestres, Chistopher Plummer, Cyril Cusack, Maria Carta, Laurence Olivier, James Mason, John Duttine, Tony Vogel, Ian McShane, Keith Washington, Claudia Cardinale, Renato Rascel, Stacy Keach, Rod Steiger, Anthony Quinn, Ian Holm, Pino Colizzi, Ralph Richardson, James Earl Jones, Donald Pleasence, Fernando Rey, Ian Bannen, Steve Gardner, Ernest Borgnine, Zeroth Abdelmajid Lakhal, Murray Salem, Tony Lo Bianco, Zeroth Lorenzo Monet doppiatori: Pino Colizzi, Rita Savagnone, Michele Gammino, Piero Tiberi, Antonio Guidi, Pino Locci, Nando Gazzolo, Sergio Graziani, Glauco Onorato, Ferruccio Amendola, Renato Mori, Sergio Fiorentini (film TV - alla fine del video il link alla seconda parte) - Nel manzo del 1976 Olivier era impegnato in Tunisia per le riprese del Gesù dove faceva la parte di Nicodemo. Zeffirelli era preoccupato nel vederlo così pallido e debole e, quando si riunirono per vedere il materiale girato, Olivier gli confessò quanto gli fosse costata ogni inquadratura: 'niente in confronto alle sofferenze di Nostro Signore'. Antony Quinn (che interpretava Caifa) ricorderà che Olivier aveva forti dolori alle gambe, ormai deformate, e che qualche volta non riusciva a camminare. Una sera, al ristorante, Olivier gli confidò che si sentiva solo e infelice, malgrado tutte le offerte di lavoro, e Quinn fu sorpreso dal fatto che in quello stato di salute viaggiasse non accompagnato. 
  21. 'A Bridge Too Far is' 1977 directed Richard Attenborough based on the book by Cornelius Ryan adapted William Goldman produced Joseph E. Levine and Richard P. Levine  cast: Dirk Bogarde, James Caan, Michael Caine, Sean Connery, Edward Fox, Elliott Gould, Anthony Hopkins, Gene Hackman, Hardy Krüger, Laurence Olivier, Robert Redford, Maximilian Schell music John Addison (film - tedesco)
  22. 'Dracula' 1979 - directed John Badhan cast: Frank Langella, Laurence Olivier, Donald Pleasence, Kate Nelligan (film - olandese) - Dal settembre 1978 al febbraio 1979, Olivier accettò un compenso di quasi un milione di dollari per interpretare la parte di van Helsing nel Dracula girato in Cornovaglia e vicino a Londra... 'Sui giornali mi criticano, chiedendo perché faccio tali schifezze' dichiarò all'epoca: ' Vi dirò il perché: per mantenere tre bambini a scuola, per la famiglia e il suo futuro. Non c'è niente di indegno per me, se è ben pagato. Mi sono guadagnato il diritto di prendere tutto ciò su cui riesco a mettere le mani. Ringrazio Dio per il film. Guadagno una fortuna a farli, ed è esattamente ciò che voglio, perché nella mia vita ho sempre speso troppo'.  
  23. 'Inchon!' 1982 - directed Terence Young cast: Laurence Olivier, Jacqueline Bisset, Ben Gazzara, Toshiro Mifune, Richard Roundtree, David Janssen, Gabriele Ferzetti (film  - inglese - alla fine del video i link alle altre 13 parti) - E' l'impresa più assurda della sua carriera. L'evangelista coreano di destra reverendo Sun Myung Moon, intenzionato a produrre un film che esaltasse la lotta del suo paese contro il comunismo, convinse i finanziatori giapponesi a sborsare i soldi per il film basato sulle campagne del generale MacArthur. Olivier ricevette un milione di dollari per passare quattro settimane a Seul, dove in una soffocante umidità, per il ruolo di MacArthur, usò il trucco più pesante della sua carriera (con labbra di plastica e una mascella che gli impediva di mangiare durante la pausa pranzo). Negli intervalli fra una scena e l'altra, ricorda il regista Young, se ne stava disteso immobile su una branda, esausto e dolente. si lavorava con una temperatura di 47 gradi, e sebbene l'attore sembrasse quasi moribondo, quand'era necessario ringiovaniva di cinquant'anni ed entrava in scena senza un lamento. Le inquadrature finali furono girare a Roma e poco tempo dopo fu montato in modo maldestro dai seguaci del reverendo Moon. Dopo qualche anno uscì nei cinema, il film fu irriconoscibile per Young e incomprensibile per il pubblico.    
  24. 'Wagner - The complete epic' 1983directed Tony Palmer cast: Sir Richard Burton, Vanessa Redgrave, Sir Laurence Olivier,  Sir John Gielgud,  Sir Ralph Richardson,  Ronald Pickup,  Cyril Cusack,  Sir William Walton (film - inglese) - All'inizio del 1982 passò quattro giorni a Vienna per una breve apparizione nella miniserie Wagner, nelle vesti di un ministro di corte. Per la prima volta dall'epoca del film Riccardo III, lavorò con Gielgud e Richardson, anche loro in parti minori; alla stampa fu passato il resoconto fasullo di un commovente incontro, mentre il terzetto recitava un finto quadretto di eterna amicizia.
  25. 'Wild Geese 2' (I quattro dell'oca selvaggia II)  1985 - directed Peter Hunt produced Euan Lloyd written Daniel Carney (novel, The Square Circle) Reginald Rose (screenplay) starring: Scott Glenn, Barbara Carrera, Edward Fox, Laurence Olivier music Roy Budd (film - inglese - Olivier accettò il ruolo di Rudolf Hess nel film che racconta la storia di un tentativo di farlo evadere dalla prigione di Spandau. Olivier ascoltò le registrazioni della voce di Hess, perché sentiva che era fondamentale trovare il tono giusto, studiò attentamente le sue fotografie e Wolf Rudiger, il figlio di Hess, disse più tardi che la somiglianza era inquietante e notevole. Sebbene avesse qualche difficoltà con i dialoghi, studio per ore un lungo discorso e quando finalmente riuscì a dirlo per intero tutti i componenti del cast e della troupe rimasero in silenzio e alcuni piansero. (ndr - ricordiamo che in quel periodo aveva dei grossi problemi di memoria).
  26. 'The Bounty' 1984 - directed Roger Donaldson produced Bernard Williams, Dino De Laurentiis screenplay Robert Bolt based on 'Captain Bligh and Mr. Christian' by Richard Hough starring Mel Gibson, Anthony Hopkins, Laurence Olivier, Edward Fox, Daniel Day-Lewis, Liam Neeson music Vangelis (film - inglese - alla fine del video i link alle altre 10 parti) - Apparizione straordinaria nei panni di un ammiraglio nella scena del processo.
  27. 'Gli ultimi giorni di Pompei' (Los ultimos dias de Pompeya) 1984 - directed Peter Hunt con: Nicholas Clay, Lesley-Anne Down, Laurance Olivier, Franco Nero, Ned Beatty, Brian Blassed, Ernet Borgnine (film TV - spagnolo - alla fine del video i link alle altre 2 parti) 
  28. 'War Requiem' 1989 - regia Derek Jarman sceneggiatura Wilfred Owen produttore Don Boyd fotografia Richard Greatrex montaggio Rick Elgood musiche Benjamin Britten interpreti: Laurence Olivier, Tilda Swinton, Nathaniel Parker, Sean Bean, Owen Teale, Patricia Hayes, Nigel Terry (film - inglese) - Questa è l'ultima interpretazione di Olivier, la sua ultima testimonianza artistica. Il 17 ottobre 1988 si sentì abbastanza bene per prendere parte per un giorno a questo film, apparendo come un vecchio soldato su una sedia a rotelle, fuori dal Durrenth Park Hospital. Un collage narrativo di immagini commentato dalla Messa di Benjamin Britten. Il produttore Don Boyd ricorderà il piacere di Oliver all'improvvisa ventata di energia che lo aveva investito. Quel giorno incise anche, con grande suggestione e partecipazione, la poesia di Wilfred Owen Strange Meeting, che accompagnano le prime immagini del film. - .Laurence Olivier nella sua carriera artistica oltre alla regia di 38 lavori teatrali, di 6 film e di 6 programmi televisivi, ha interpretato 121 personaggi in teatro e ha preso parte a 58 film, 15 programmi televisivi e 42 radiofonici. 
Note da: 'Laurence Olivier - Una Biografia' di Donald Spoto - Baldini e Castoldi 1992



POST IN AGGIORNAMENTO COSTANTE

_________________________

La Redazione effettua periodicamente il controllo del sistema, dei contenuti presenti nelle pagine e negli allegati e l'effettiva funzionalità dei link proposti. Chiediamo comunque ai nostri lettori di segnalare gentilmente all'indirizzo bastiancich@gmail.com eventuale cattivo funzionamento, in particolare nelle sezioni Divini e Maestri e Almanacco del Teatro. GRAZIE.



Nessun commento:

Posta un commento